Benvenuti nel blog ufficiale del Mondo GIVI.

ULTIME TECH NEWS DAL MONDO MOTO

La svolta elettrica di Harley-Davidson e la Vespa ibrida. La Ducati Scrambler venduta soltanto sul web. La tecnologia Leaning Multi-wheeler di Yamaha. Bosch e i progetti di connessione tra auto e moto…

La svolta elettrica di Harley-Davidson e la Vespa ibrida

Dopo il raffredamento a liquido ora si fa avanti il motore elettrico. La notizia è quella dell’acquisizione della Casa di Milwaukee di quote dell’azienda californiana Alta Motors, per sfruttare la loro tecnologia e creare in meno di due anni una versione di serie del loro concept elettrico LiveWire. Avremo sulla strada una Harley priva del rombo caratteristico del suo bicilindrico? A quanto dice l’amministratore delegato Matt Levatich sembrerebbe proprio di sì.

Per quanto riguarda gli “affari interni”, le riviste di settore hanno da poco annunciato la volontà di  Piaggio di presentare prima di fine anno una Vespa elettrica e una ibrida (quindi dotata anche di motore termico). La prima avrà un’autonomia di 60 km, che la relega praticamente all’area metropolitana, la seconda arriverà ad una percorrenza di 150 km. Proporre soluzioni di mobilità alternative, praticabili in tempi brevi, impegna tutto il segmento automotive.

La Ducati Scrambler venduta soltanto on line è la Hashtag.

La vendita di questa nuovissima versione è iniziata e, come promesso da Ducati, il suo acquisto potrà avvenire soltanto compilando un form sul web e versando, sempre on line, un acconto di 500 euro.

Soltanto successivamente il fortunato utente potrà recarsi presso il dealer indicato sul form e qui ufficializzare contratto e formula di pagamento e ritirare il  veicolo.

Yamaha e la tecnologia Lmw

Parliamo del Leaning multi-wheeler, il sistema che la Casa ha introdotto prima su di un prototipo presentato al Salone di Tokio nel 2015 e poi sul modello  Niken, moto a tre ruote presentato a EICMA.

LMW è una sospensione anteriore piuttosto complessa, dotata di forcella a doppio stelo, regolabile in compressione ed estensione.

Sul concetto Tre ruote il marchio è impegnato dal 2014 (lancio del Tricity) e ai due modelli oggi presenti sul mercato dovrebbe aggiungere a breve una seconda proposta dotata della tecnologia Lmw.  Almeno questo ipotizzano le riviste di settore giapponesi: più di un articolo parla infatti di nuova moto a tre ruote spinta dal bicilindrico da 321 cc della MT-03m, che in Europa sarebbe quindi guidabile con patente A2 (cosa non possibile con la Niken).

Le nuove tecnologie applicate di Bosch e i progetti di interconnessione auto e moto.

Lo scorso mese Bosch ha reso noto  il Motorcycle to Car Communication. Si tratta di un progetto legato alla sicurezza sulla strada che ha lo scopo di prevenire le collisioni fra tipologie di veicoli differenti. Il sistema dovrebbe essere in grado di comunicare con i veicoli informazioni (fino a 10 info al secondo) che permettono ai conducenti di evitare situazioni di pericolo a beve distanza (un esempio? veicolo fermo sulla carreggiata subito dopo la curva). I motociclisti riceveranno un avviso riconoscibile tramite segnale audio, gli automobilisti visualizzeranno una notifica direttamente sul navigatore satellitare.

A questa tecnologia si lega il Connected Horizon, sempre di Bosch, che, se si è connessi,  permette di ricevere in tempo reale limiti di velocità, punti pericolosi, ingorghi, incidenti, ecc.

jpaul@givipeople.com JPaul è Il coordinatore del blog. Con tanti anni di attività giornalistica alle spalle e un codice deontologico ben preciso. Il suo compito è quello di dare gli input, di vagliare le proposte, di spiegare ai collaboratori che, qui, il linguaggio aziendale è bandito!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current month ye@r day *